Blog

UN MATRIMONIO… IN FABBRICA

Mai pensato di sposarvi… in fabbrica?
A Vicenza è possibile, grazie a una location davvero particolare e unica: Fabbrica Saccardo, a Schio, esternamente caratterizzata da due svettanti ciminiere e internamente un restauro che ha rispettato il concetto stesso di fabbrica, valorizzandolo e recuperando le antiche macchine e gli ambienti della struttura esistente.

Un luogo e uno stile, quello industriale, scelto dagli sposi del 16 settembre scorso, Vania e Giulio, coppia affiatata, spumeggiante e sorridente, legata da un’intesa davvero pazzesca.

Patricia e Vania
Un matrimonio giocato su eleganti contrasti, come la cerimonia religiosa al Santuario della Madonna dell’Olmo, a Thiene, seguita dal ricevimento in Fabbrica Saccardo e la scelta di uno stile industrial chic con l’aggiunta di qualche vena vintage.

church

Interessante, quindi, il passaggio dagli spazi interni della chiesa con colori caldi, arredati con cesti di varia misura in vimini e tripudio di fiori bianchi, lanterne e atmosfera solenne ricreata dal trio di musica con organo, voce e violino agli spazi della location del ricevimento, dal tocco vintage rustico sposato con l’industriale: cassette di legno, ampolle di vetro con rami, lucette di natale a cascata, luci led e candele a ricreare un’atmosfera ambrata.

industrial style

Qualche dettaglio di allestimento interessante?
- cartelloni di benvenuto grandi, scritti a mano (tecnica della serigrafia). La scrittura a mano che ritorna anche nei libretti della cerimonia, negli inviti e nel menu;

Logo Vania e Giulio
- al piano del ricevimento all’ingresso una tavola molto grande, in legno, con piante grasse e candele. Un colpo d’occhio scenografico e d’impatto;

succulents and candles
- l’aperitivo a buffet si è svolto tra l’interno e l’esterno: fuori tre terrazze in tre dislivelli sulle quali si è giocato con il vintage mixato all’industrial style: poltrone rétro in pelle, color cammello, in contrasto con sedie industrial, una diversa dall’altra, e tavoli in ferro battuto. Dentro lanterne in ferro battuto nero con cuscini bianchi;

aperitivo
- la decorazione floreale sui tavoli d’appoggio e sui tavoli dei commensali con tre/quattro vasi di terracotta sbiancati a mano, dall’effetto invecchiato, e piante aromatiche, grasse e fiori bianchi all’interno. Vasi diventati poi un cadeau per gli ospiti;

dinner tables
- Numeri dei tavoli incisi nel legno e tableau de mariage ricavato da un vecchio tavolo da falegname, sopra il quale sono state apposte decorazioni floreali, cornici nere e cartoncini con i nomi dei tavoli a riprendere i colori della location;

wood table
- la scritta luminosa BAR, a led, in ferro lamina, disposta sopra il bancone dell’open bar.

bar led

Tre tocchi di “stile”:
1) Aperitivo accompagnato dai mariachi (gruppi musicali tipici dell’ovest del Messico) per un’atmosfera di festa.

mariachi
2) Una wedding cake semplice e ad effetto: tre piani, total white, su cui è stato inserito, ad intreccio, dell’eucalipto. Presente anche la sweet table con caramelle, confetti su vasi e contenitori di varie dimensioni e forme.

wedding cake
3) Grappa Poli, come bomboniera, per giocare con la territorialità e con lo stile industriale: bottiglie avvolte da scatole cilindriche in metallo, tinta rame.

Grappa Poli

…e chi lo dice che una fabbrica non può essere romantica?

This Post Has 0 Comments

Leave A Reply